Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

idrogeno, un'altra energia per un'altra società PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 01 Novembre 2018 11:38

VIDEO "idrogeno, un'altra energia per un'altra società": più pacifica, sostenibile, democratica. Una risorsa accessibile a tutti.


https://youtu.be/bWSVtLQRu8E

 
stop incentivi alle nuove centrali geotermiche ? PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 31 Ottobre 2018 16:26

da non credere, sarebbe la prima cosa buona che farebbe Di Maio. Ovviamente si parla di nuove centrali, non ancora esistenti. Martignoni e Ferrini, i sindaci dei comuni più geotermizzati al mondo (8 centrali ognuno) prospettano catastrofi, perchè hanno creato LORO la monocoltura geotermica. Ma sarà che la manovra vada in porto ....

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (stop incentivi alla geotermia 31.10.18.pdf)stop incentivi alla geotermia 31.10.18.pdf Maurizio Marchi430 Kb
 
Crotone: un’altra strage sul lavoro PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Lunedì 29 Ottobre 2018 11:14

Causata, ancora una volta, dal mancato rispetto della normativa sulla sicurezza

di Marco Caldiroli (*)

Una strage causata, ancora una volta, dal mancato rispetto della normativa sulla sicurezza sul lavoro. Quando si sapranno i particolari si potrà valutare il peso di coincidenze e fattori esterni che hanno pesato sull’evento. Quello che è certo che il cedimento del terreno durante i lavori che hanno ucciso il proprietario (imprenditore ma in un altro campo) e tre lavoratori si è verificato a causa della mancata armatura dello scavo. E la fretta di riparare un danno alla fognatura non può mai essere un motivo per mettere a rischio – e perdere – la vita.
I morti sono Massimo Marrelli e tre operai che si trovavano con lui: Santo Bruno, 53 anni di Isola Capo Rizzuto; Luigi Ennio Colacino, 45 anni di Cutro; Mario Cristofaro, 49 anni di Crotone.

Anche in questo caso le norme sono chiarissime:

Articolo 118 – Splateamento e sbancamento

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 29 Ottobre 2018 11:20 )
 
scarichi a mare di Solvay, alternative e soldi PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Martedì 30 Ottobre 2018 17:04

Obbligare Solvay a chiudere gli scarichi e riciclare i suoi fanghi

Dopo le “schiumate” alle spiagge bianche del 10-12 ottobre scorsi, che Arpat ha ricondotto a scarichi Solvay, giova indignarsi e tornare a chiedere la chiusura degli scandalosi scarichi Solvay a mare.

In un vecchio studio del 1983 della Solvay,  sollecitato dalla istituzioni del tempo (oggi chi si sogna più di chiederle qualcosa del genere ? ) dal titolo”Smaltimento in mare dei fanghi provenienti da alcuni settori di produzione dello stabilimento di Rosignano, studio delle possibilità di ricupero delle sostanze in essi contenute in relazione al loro  valore energetico ed economico”, la multinazionale descriveva vari  processi per recuperare i fanghi e riciclarli in settori come la produzione di gesso, la cementeria, la siderurgia o l’agricoltura, o almeno trattenerli  e stoccarli in dighe, concludendo sbrigativamente che tutti questi sistemi erano costosi  (per lei) ed era preferibile continuare a  scaricarli in mare gratis. “E’significativo che le sodiere che in Europa hanno potuto ampliare le loro produzioni di carbonato siano proprio quelle situate in prossimità del mare”, afferma a pag. 10, dimenticando quella di Lisbona (Povoa), che invece è stata chiusa nel 2013, che pur poteva scaricare nel grande estuario del fiume Tago, a pochi km dall’oceano e da Lisbona.

C’è una pagina tuttavia che va riletta più attentamente 35 anni dopo (pag. 36-39) :

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (solvay alternative allo scarico a mare  30.10.18.pdf)solvay alternative allo scarico a mare 30.10.18.pdf Maurizio Marchi688 Kb
Ultimo aggiornamento ( Martedì 30 Ottobre 2018 17:15 )
 
firmate la petizione lanciata da Avaaz sulla biodiversità PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 28 Ottobre 2018 18:53

firmate la petizione al link in allegato

Ai leader mondiali:

"Noi cittadini di tutto il mondo siamo profondamente preoccupati dall’allarme lanciato dagli scienziati sul possibile collasso degli ecosistemi necessari alla vita sulla Terra entro la prossima generazione. Vi chiediamo di rispettare gli obiettivi attuali di tutela della biodiversità, di stipulare un nuovo accordo per proteggere e ripristinare almeno il 50% degli oceani e della terraferma, e di assicurare che il nostro pianeta sia gestito in maniera completamente sostenibile. Questo deve tenere in considerazione l’esigenza dello sviluppo umano, e avere il sostegno attivo delle popolazioni indigene. Un obiettivo a lungo termine per il rispetto della natura può riportare l'armonia tra umanità e natura."

Entro il 2020, due terzi degli animali selvatici saranno spariti. La vita sulla Terra si sta spegnendo alla velocità di quando si estinsero i dinosauri, ed è l’umanità che sta abbattendo l’albero della vita.

Se non ci fermiamo, rischiamo di far collassare il delicato equilibrio della biodiversità e di trasformare il nostro pianeta in un deserto inabitabile. Ma c’è una speranza: un piano ambizioso per mettere sotto tutela metà del pianeta, su cui concordano importanti scienziati, può ristabilire l’armonia tra l’umanità e la nostra casa comune.

Questi esperti dicono che se lo metteremo in pratica nel modo giusto, in un modo che rispetti le popolazioni indigene e i loro territori, potremo salvare l'80-90% di tutte le specie!

Facciamo diventare questo piano e la soluzione che propone così famosi che i politici non potranno ignorarli. Unisciti e sostieni anche tu il piano per fermare questa estinzione di massa prima che sulla Terra cali il silenzio.

Avaaz  Ottobre 2018

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (petizione avaaz.pdf)petizione avaaz.pdf Maurizio Marchi363 Kb
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 192