Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

gli effetti sulla salute della geotermia toscana PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 09 Marzo 2018 17:39

https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/medicina-e-salute/388530/gli-effetti-sulla-salute-della-geotermia-toscana/

a questo link è disponibile il libro di Maurizio Marchi, a prezzo di costo "Gli effetti sulla salute della geotermia toscana", con la prefazione del cardiologo Claudio Marabotti.


4° di copertina

Gli effetti sulla salute della geotermia toscana

Né rinnovabile, né sostenibile, ma sorretta da enormi contributi pubblici

Riassunto dei cinque studi epidemiologici coordinati da ARS tra il 2010 e il 2016

 

Questo “riassunto”, con molte citazioni testuali, ha lo scopo di portare a conoscenza di tante persone e movimenti in più gli studi epidemiologici  svolti dalla Regione Toscana tra il 2010 e il 2016, finanziati da Enel. Tra affermazioni e negazioni, tra studi e aggiornamenti che modificano i dati di riferimento (gli anni di riferimento su cui si confrontano i decessi in eccesso), e soprattutto letture tranquillizzanti, la Regione punta a minimizzare gli effetti sulla salute della geotermia, nel momento in cui si trova ad autorizzare progetti geotermici che moltiplicherebbero per otto i territori asserviti a questa attività nè sostenibile nè rinnovabile.  Beneficiari di questa manipolazione l’Enel  - che in Toscana ha la sua vetrina geotermica sul mondo – e diversi altri “imprenditori”, come Sorgenia e Magma, che puntano a mettere le mani su questa torta succulenta quanto inquinante. Il lavoro ha anche lo scopo, secondario, di riequilibrare lo scompenso di attenzione, sia delle istituzioni, sia dei movimenti  sull’area amiatina, rispetto a quella tradizionale di Larderello, ormai giudicata assuefatta, quindi  quasi dimenticata.

 

“Per  l’area  Nord,  il  Comune  di  Pomarance  presenta  modesti  eccessi  di  mortalità per disturbi circolatori dell’encefalo nelle femmine (+ 45%, con  75  osservati  e  52  attesi  nei  sette  anni)  e  per  tumori  linfoematopoietici  nei maschi (+ 83%, 14 osservati e 8 attesi), confermati anche da eccessi  di ricoveri per leucemie nelle femmine e mielomi nei maschi, difficilmente  riconducibili  a  fattori  eziologici  noti,  ma  per  i  quali  un  ruolo  ambientale  non può essere escluso del tutto.” (Studio epidemiologico sulle aree geotermiche 2010  di ARS Pag 19 di 25 della Sintesi )

 

 

 

 

 
allarme qualità dell'aria in Toscana PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 08 Marzo 2018 09:40

allarme di Monica Pecori dal Consiglio regionale: Piano regionale qualità dell'aria in approvazione








 

al seguente link http://www.regione.toscana.it/-/piano-regionale-per-la-qualita-dell-aria trovate tutte le informazioni necessarie.

Tra circa due settimane il Consiglio regionale approverà il Piano Regionale Qualità Aria (PRQA): l'aria con l'acqua è l'elemento di contaminazione della salute più diffuso e pervasivo. Questo aspetto è rilevato nella Proposta PRQA di Novembre 2017 , che tuttavia non arriva a conclusioni coerenti: centrali geotermiche, inceneritori, discariche (metano ed altro), la concia di pelli, il settore cartario, il settore industriale SONO APPENA SFIORATI  NELLA PROPOSTA DI PIANO,  peraltro senza misure serie ed incisive (ad esempio chiusura e riconversione A FOTOVOLTAICO E IDROGENO delle centrali geotermiche).

Da domani Monica ed io scriveremo e manderemo  a tutti gli indirizzi una bozza di critica al Piano, che ogni realtà territoriale potrà assumere, cambiare, integrare, ecc, e mandarla tempestivamente in Regione. Particolare attenzione nella Proposta regionale è rivolta alle emissioni da traffico e da riscaldamento (e come poteva essere diversamente ....), comunque anche su questo settore ci sono aspetti da approfondire e criticare. Infine le "buone intenzioni" regionali devono fare i conti con la limitatezza dei fondi per i maggiori controlli, e quindi con tempi lunghi (talvolta TROPPO lunghi), incompatibili con la difesa della salute.

Tutti i comitati, le associazioni, i cittadini sono chiamati ad esprimere con forza le loro richieste, mettendo in campo tutte le conoscenze e le esperienze dal basso sull'aria inquinata, come e più di quanto non sia stato messo in campo di recente sui rifiuti, che nella mala gestione ambientale e sociale sono solo un pezzo.

Monica Pecori e Medicina democratica sono disponibili ad ogni interlocuzione e collaborazione in questo percorso, che purtroppo anche stavolta sarà obbligatoriamente ristretto nei tempi.

Buona lettura e buon lavoro. FATE GIRARE, SE VOLETE.

Maurizio Marchi
www.mecinademocraticalivorno.it

PS si noti quanto scrive la Proposta sulla Piana FI PT PO: inceneritore e allungamento della pista di Peretola non sono neanche messe in discussione, o sull'elettrificazione delle banchine del porto di Livorno : avanti ADAGIO.

 
controlli sanitari alla popolazione esposta all'inquinamento da geotermia PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 22 Febbraio 2018 18:32

Medicina democratica chiede all'ARS l'estensione dello studio INVETTA alla popolazione dell'area geotermica nord

Estendere lo studio INVETTA anche alla popolazione della val di Cecina esposta alle emissioni geotermiche

L’Agenzia regionale sanità ha lanciato circa un anno fa un’ “Indagine di biomonitoraggio e valutazioni epidemiologiche a tutela della salute nei territori dell’Amiata.”, in sigla INVETTA, che prevede analisi del sangue e delle urine su 2000 persone residenti sull’Amiata esposte all’inquinamento della geotermia. Sono previsti anche analisi di funzionalità respiratoria (spirometria), cardiovascolare (mappe di rischio), renale ed endocrina.

 
MD scrive a tutti i sindaci della Val di Cecina PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 22 Febbraio 2018 18:43

Medicina democratica

Bulera e Possera, non si mercanteggia sulla salute

Con la conferenza dei servizi (riunione di tutte le istituzioni interessate) del 9 gennaio 2018 sembra posta la parola fine sul lungo braccio di ferro sulla soprelevazione di 11 metri della discarica di Bulera: la Società Chimica Larderello sgancerà 400.000 euro per proteggere dai veleni del torrente Possera il campo pozzi ASA di Puretta, ci passerà come azienda “disponibile e responsabile”, mentre l’acqua del fiume Cecina resterà in preda fino alla foce delle esondazioni possibili della discarica tossica.

 
Nato e nucleare, perchè se ne parla poco ? PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Martedì 06 Febbraio 2018 12:40

Nato e nukes non sono temi elettorali

Manlio Dinucci


Il Governo, che nel periodo elettorale resta in carica per il «disbrigo degli affari correnti», sta per assumere altri vincolanti impegni nella Nato per conto dell’Italia. Saranno ufficializzati nel Consiglio Nord Atlantico, che si svolge il 14-15 febbraio a Bruxelles a livello di ministri della difesa (per l’Italia Roberta Pinotti).

L’agenda non è stata ancora comunicata. È però già scritta nella «National Defense Strategy 2018», che il segretario Usa alla Difesa Jim Mattis ha rilasciato il 19 gennaio. A differenza dei precedenti, il rapporto del Pentagono è quest’anno top secret. Ne è stato pubblicato solo un riassunto, sufficiente comunque a farci capire che cosa si prepara in Europa.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 178