Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

Il TAP è inutile, e rimanda sine die l'avvio della riconversione all'idrogeno PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 19 Ottobre 2018 18:10

Il TAP, nuovo gasdotto dall'Azerbaijan alla Puglia, non solo è inutile, ma anche nocivo, perchè con quanto costerà, dovrà essere ammortizzato negli anni, rimandando sine die l'avvio in Italia della riconversione all'idrogeno della generazione di energia elettrica. Intanto Conte nell'incontro con Trump ha definito il TAP "strategico".....

dal sito di Peacelink, vedi allegato

 

 

 

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (tap peacelink.pdf)tap peacelink.pdf Maurizio Marchi310 Kb
 
solvay deve bonificare a Ferrara. E a Rosignano ? PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 19 Ottobre 2018 18:10

Bonifica di siti contaminati, importante sentenza del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato ha dato ragione ad Arpae e Comune di Ferrara respingendo l’appello presentato dalla società Solvay contro l’ordinanza di bonificare un’area nel Quadrante est. Ribaditi i principi che il nesso di causalità si fonda sul criterio del “più probabile che non” e la validità delle disposizioni del decreto legislativo 152/2006 applicate anche alle contaminazioni cosiddette “storiche”.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 19 Ottobre 2018 18:15 )
 
grandi opere e salute PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 17 Ottobre 2018 16:05

Conferenza dei Territori – Firenze, 7 ottobre 2018

Paola Sabatini, CUB sanità


Ci sono molti punti che collegano le grandi opere e le lotte che in questi anni si sono sviluppate, al tema della salute e della sanità.

Un primo punto deriva dai dati dell’Agenzia europea dell’ambiente che ci dice che in Europa lo stato di salute della popolazione è aumentato con 491000 morti premature per inquinamento, di cui 84.400 solo in Italia. Anche in Toscana i dati pubblicati da poco dall’Arpat illustrano una situazione drammatica, con il 67% dei fiumi inquinato da fitofarmaci e con la media vergognosa del 51% di raccolta differenziata. Dati che di per sé dovrebbero portare alla conclusione che quello che serve non è aggiungere nuove fonti inquinanti ma un vero risanamento ambientale e interventi volti alla tutela dell’ambiente.

Il secondo punto sono i costi: la sanità come altri servizi essenziali, è stata il portafoglio a cui si è attinto in questi anni per raggiungere il pareggio di bilancio introdotto dal 2012 in costituzione. Il DEF per il 2018 ha tagliato alla spesa pubblica 3,5 miliardi di euro, la stessa cifra spesa per gli aerei di guerra F 35: quindi scelte politiche, non mancanza di soldi. Scelte militari che anche l’attuale governo conferma, riproponendo come propri fratelli gli Stati Uniti e la Nato.

Tagli alla spesa sanitaria totalmente ingiustificati in quanto la spesa sanitaria in Italia è il 6,5% del PIL: una percentuale vicina a quella che l’OMS fissa come soglia di allarme. Secondo l’OMS sotto il 6,5% del PIL si riduce non solo la qualità assistenziale e l’accesso alle cure ma anche l’aspettativa di vita.

 
salute e sanità a Torino PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 19 Ottobre 2018 10:36

Alleghiamo l'interessante ultimo numero della rivista "Lavoro e salute" della area di Medicina democratica di Torino

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (lavoro  salute Cilenti LeScinquesettembre2018.pdf)lavoro salute Cilenti LeScinquesettembre2018.pdf Maurizio Marchi3125 Kb
 
geotermia e terremoti PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Martedì 09 Ottobre 2018 09:01

Dal sito INGV

La sismicità dell’area geotermica di Larderello-Travale tra le province di Pisa, Siena e Grosseto

Mag 25 2017

Pubblicato da INGVterremoti

 

L’INGV riceve spesso richieste di chiarimento sull’andamento della sismicità in aree in cui sono in corso attività antropiche, quali le aree geotermiche o quelle di estrazione di idrocarburi. Nelle settimane passate, da alcuni cittadini sono arrivate richieste relative a una stessa area – la zona geotermica di Larderello-Travale, nelle Colline Metallifere – e in questo articolo condividiamo la risposta che è stata fornita loro, per una migliore diffusione delle informazioni.


La zona geotermica di Larderello-Travale è un’area nella quale si sfrutta il potenziale geotermico per la produzione di energia sin dall’inizio del ‘900 e per la quale da molti anni ci si interroga se tale produzione possa provocare terremoti.
Per questo motivo è stata analizzata la sismicità storica e attuale dell’area. È stata esaminata un’area quadrata di 50 km di lato (Figura 1), centrata su Castelnuovo Val di Cecina (Pisa); dal 1985 a oggi la Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha registrato 1111 terremoti con magnitudo comprese nell’intervallo 0.43.8 (Catalogo ISIDE; http://iside.rm.ingv.it/).

Figura 1 – Epicentri dei terremoti (cerchi colorati) in un quadrato di 50 km centrato sull’abitato di Castelnuovo Val di Cecina (Pi) per il periodo 1985-2017.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 19 Ottobre 2018 11:06 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 192