Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

vaccini, dario miedico radiato PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 26 Maggio 2017 21:41

Medicina Democratica sostiene Dario Miedico e intende contrastare la deriva autoritaria contenuta nel decreto legge “vaccini”

Il Dr. Dario Miedico, tra i fondatori di Medicina Democratica nel 1976, è stato radiato dall’albo professionale dei medici a conclusione del procedimento disciplinare da parte dell’Ordine dei Medici di Milano. La sua grave colpa (non indicata nella nota di radiazione) è quella di aver assunto una posizione critica sulle modalità di somministrazione dei vaccini in Italia come pure il suo schierarsi a sostegno delle famiglie i cui figli hanno subito reazioni avverse a una o più vaccinazioni (aspetto riconosciuto dalla legge 210/1992: “Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati”).

Quella di Dario, per l’Ordine dei Medici, è una colpa maggiore rispetto a quelle del Dr. Pier Paolo Brega Massone, condannato in appello all’ergastolo per omicidio a causa di pratiche mediche finalizzate al solo profitto presso la ex Clinica Santa Rita: nonostante la condanna non è stato né radiato né sospeso.

Medicina Democratica sosterrà in ogni modo Dario Miedico contro la decisione dell’Ordine dei Medici e per affermare il suo diritto costituzionale alla libera espressione dei propri convincimenti.

Medicina Democratica contribuirà a contrastare i contenuti (non ancora conosciuti in dettaglio) del decreto legge che estende il numero dei vaccini obbligatori (unico paese in tutta Europa a intraprendere tale strada) e associa tale obbligo – di fatto – all’esercizio del diritto allo studio.

L’arroganza di una classe politica e medica che pensa di intervenire con nuove e più forti costrizioni anziché con un vero consenso informato su trattamenti sanitari, come i vaccini e non solo, determina una deriva e una riduzione della democrazia e della scienza.

Per Medicina Democratica Il Presidente Piergiorgio Duca

 

 

 

 
Scapigliato, chiudere e bonificare. REA ha il fondo post mortem ? PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 24 Maggio 2017 17:24

Medicina democratica    Sezione di livorno e della val di Cecina

All’assessore all’ambiente della Regione Toscana

Oggetto:  Discarica di Scapigliato (LI), chiusura entro i termini AIA (2019) e fondo gestione post mortem.

Con la presente si chiede

Che sia respinto il progetto di ampliamento della discarica di cui al Progetto depositato il 20.3.17 da REA impianti Rosignano.

Che la chiusura della discarica avvenga regolarmente - ai sensi dell’AIA 159 del 12.10.2012 per otto anni - entro l’ottobre 2019, o prima, dato che la volumetria residua risulta da dichiarazione REA in circa 661.000 mc (pag. 7 di 47 della relazione presentata in regione);

Che questa capacità residua sia riservata al Comprensorio locale (comuni confinanti con quello di Rosignano M.mo), e limitatamente ai soli RSU, e non ai rifiuti speciali;

 

premesso altresì che il DLgs 36/2003 all’art. 14 prevede la costituzione di un fondo di garanzia per la gestione post mortem della discarica, a valere per 30 anni dopo la sua chiusura;

si chiede

 
discarica di scapigliato, un progetto mostro PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 19 Maggio 2017 10:55

Inoltrate alla Regione Toscana le opposizioni scritte. Altre centinaia inviate da cittadini dei paesi più vicini

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (scapigliato opposizione 2017.pdf)scapigliato opposizione 2017.pdf Maurizio Marchi2809 Kb
 
Mercurio anche l'ONU insiste su informazione e bonifiche PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 24 Maggio 2017 17:15

Medicina democratica

Sezione di livorno e della vdc

 

Inquinamento da mercurio, anche l’ONU insiste sull’informazione della popolazione e le bonifiche.

È uscita da pochi giorni sul sito del Ministero dell’ambiente la “Convenzione di Minamata” sottoscritta a livello internazionale anche dall’Italia, che obbliga i paesi membri dell’ONU a bonificare i siti inquinati da mercurio. La Regione Toscana è una delle principali destinatarie in Italia di questa importante convenzione: Rosignano, ma anche la Val di Cecina e del Cornia, e i fiumi dell’Amiata devono essere urgentemente bonificati, a tutela della salute delle popolazioni coinvolte.

Vediamo alcuni particolari della Convenzione ONU.

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (minamata convenzione 16.5.17.pdf)minamata convenzione 16.5.17.pdf Maurizio Marchi970 Kb
 
tra il dire e il fare ... passa scapigliato fino al 2031 PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Lunedì 15 Maggio 2017 22:35

"Portare i conferimenti in discarica dall'attuale 42% a un massimo del 10% dei rifiuti urbani (al netto della quota degli scarti da RD), corrispondente a circa 237.000 t/anno complessive. Risulta evidente che centrando l'obiettivo del 70% di raccolta differenziata e realizzando gli interventi di adeguamento della capacità di recupero energetico come prima descritto si riduce radicalmente la "dipendenza del sistema regionale dalla discariche".

Dalla presentazione della Regione Toscana del  Piano rifiuti e bonifiche, sul BURT del 12.4.17. C'E' TEMPO FINO AL 10 GIUGNO PER SCRIVERE OPPOSIZIONI ALLA REGIONE TOSCANA

http://www.regione.toscana.it/-/rifiuti-e-bonifica-dei-siti-il-piano-regionale

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 155